Scegliere

Il Corso di Laurea Magistrale LMCCI offre una formazione di livello elevato in due lingue straniere, con principi teorici e applicativi fondamentali di traduzione/comunicazione e delle discipline economico-giuridiche, socio-territoriali e storiche.

L'offerta formativa del CdS in LMCCI è caratterizzata dalla sinergia tra gli insegnamenti di tipo linguistico e gli insegnamenti di ambito giuridico-economico, socio-territoriale e storico, diversamente declinati in due curricula: uno in Comunicazione Internazionale e l’altro in Cooperazione Interculturale. In entrambi i curricula viene gradualmente sviluppato un insieme di conoscenze avanzate diversificate anche nella prospettiva di differenti settori lavorativi, in contesti nazionali e sovranazionali.

La laurea magistrale è titolo d'accesso per le classi di concorso A 24 (Lingue e culture straniere negli istituti di istruzione secondaria di II grado) e A 25 (Lingua inglese e seconda lingua comunitaria nella scuola secondaria di primo grado), secondo il DPR 14.2.2016 n.19.
Le conoscenze fornite dal CdS in LMCCI possono servire da fondamento per carriere rivolte alla ricerca. Inoltre, molta attenzione viene dedicata allo sviluppo di conoscenze linguistiche e metalinguistiche per fornire allo studente gli strumenti d'analisi di prassi comunicative e traduttive in contesti generali e professionali. Le lezioni degli insegnamenti di ambito francese, inglese, spagnolo e tedesco si svolgono interamente nella corrispondente lingua straniera. Le lezioni degli insegnamenti di ambito cinese, giapponese e russo si svolgono inizialmente sia in lingua italiana sia in lingua straniera, con un impiego progressivo e preponderante della lingua straniera. Le attività in aula sono integrate da lavori seminariali anche con interventi di esperti esterni (in occasione dei laboratori didattici), provenienti da aziende, istituzioni europee, organizzazioni non governative e da imprese di servizi linguistici, nell'ottica di avvicinare lo studente alla realtà operativa di settori diversi.

Specifiche competenze

Nello specifico, il laureato in Lingue Moderne per la Comunicazione e la Cooperazione Internazionale (LMCCI) possiede competenze elevate nelle due lingue straniere di specialità (livello C1/C2, a seconda della lingua, del Quadro Comune Europeo) oltre che in italiano. Le avanzate conoscenze e capacità linguistiche e metalinguistiche sviluppate nel biennio gli permettono di analizzare e gestire operativamente la comunicazione in lingua straniera in ambiti lavorativi privati e pubblici culturalmente e linguisticamente differenziati, anche avvalendosi delle abilità traduttologiche maturate in ambito generale e specialistico. Conosce la diversità linguistica in prospettiva applicativa per la comunicazione e la comprensione degli aspetti linguistici dei processi di globalizzazione. È consapevole del rapporto tra uso della lingua e contesto sociale. Ha approfondito lo studio dell'informatica applicata ai media digitali all'interno della società delle reti.

Tali obiettivi sono perseguiti in modo diversificato nei due curricula in cui si articola il Corso di Laurea magistrale.

Le conoscenze e capacità sono conseguite tramite:

- la partecipazione alle lezioni frontali di livello avanzato e attività seminariali;

- la partecipazione a conferenze e seminari di alto livello scientifico tenuti da esperti nazionali e internazionali, eventualmente seguita da una relazione a cura dello studente;

- lo studio personale guidato e individuale.

Oltre che attraverso le lezioni frontali, l'apprendimento delle lingue straniere viene sviluppato attraverso attività di addestramento linguistico finalizzate a raggiungere il livello di competenza nella lingua straniera secondo il livello QCER (HSK per il cinese, JLPT per il giapponese) previsto nel piano di studi del corso.

Il laureato in Lingue Moderne per la Comunicazione e la Cooperazione Internazionale (LMCCI) mediante gli insegnamenti dell'area ECONOMICA, GIURIDICA E SOCIO-TERRITORIALE possiede una conoscenza di base dei fondamenti delleconomia politica e dello sviluppo, così come del quadro giuridico per gli scambi interculturali.
Inoltre, nel Curriculum in Comunicazione internazionale, conosce approcci teorici di analisi del territorio in rete per la comprensione della dimensione geografica dell’internazionalizzazione, intesa quale processo di scambio culturale e interculturale; nel Curriculum in Cooperazione interculturale, conosce tecniche di analisi economico-geografica dello sviluppo, così come approcci sociologici alla comprensione del multiculturalismo e storici per lo studio delle organizzazioni internazionali.

Il laureato in LMCCI sa applicare le conoscenze dell’area ECONOMICO, GIURIDICA E SOCIO-TERRITORIALE nelle procedure di risoluzione di problemi collegati a tematiche nuove, non familiari o di maggiore ampiezza connesse al proprio settore di studio e in particolare all’ AREA LINGUISTICA E DELLA COMUNICAZIONE.
Sa operare in ambito economico, giuridico e socio-territoriale all’interno delle attività delineate da aziende private, enti pubblici, organismi internazionali e organizzazioni non governative, con particolare riguardo alle iniziative comunitarie. Inoltre, nel Curriculum in Comunicazione internazionale è in grado di rapportarsi ai cambiamenti socio-territoriali indotti dagli scambi interculturali in un mondo connesso a livello internazionale; nel Curriculum in Cooperazione interculturale possiede capacità di comprensione dei processi di sviluppo locale e interazione multiculturale, così come delle principali dinamiche storiche inerenti le organizzazioni internazionali di un sistema globalizzato.
Tali conoscenze permettono allo studente, qualunque sia la realtà nella quale si troverà a operare (imprese private, enti pubblici, organismi internazionali, organizzazioni non governative), di analizzare e interpretare meglio i fenomeni economico-giuridici e socio-territoriali creando connessioni tra la scala mondiale e locale, affrontandone le questioni più rilevanti - con particolare riferimento alle differenze esistenti nei livelli di sviluppo tra i vari Paesi e ai legami fondamentali tra crescita economica, politiche istituzionali, scambi culturali e sviluppo territoriale – al fine di individuare strategie e tecniche di connessione internazionale, di collaborare a progetti di cooperazione interculturale, di utilizzare diversi canali di comunicazione e di gestire attività associate alle pubbliche relazioni.